Picitti Stories, tempo presente

Forse qualcuno si ricorderà che già l’anno scorso vi avevo parlato di Picitti Stories, il progetto di risveglio territoriale del quartiere abbandonato di Picitti, all’interno del comune di Acri (Cosenza).

Quest’anno siamo stati nuovamente chiamati dai ragazzi dell’Associazione “Con i miei occhi” per prendere parte alla loro residenza artistica: Nicola per occuparsi della produzione video e io (Silvia) per un percorso di formazione sul turismo ispirazionale con gli studenti dell’I.T.C.G.T. Liceo GB. Falcone.

Dal sentimento nostalgico della prima edizione (il cui focus era sul tempo passato) siamo arrivati ad uno sguardo realistico sul tempo presente: come lo viviamo? Cosa significa per noi “tempo presente”?

Siamo dunque andati alla ricerca delle sognatrici, dei cinici, dello sguardo dei bambini, dei suoni e dei ritmi del tempo presente, dei canti della speranza, delle idee impossibili. Siamo andati alla ricerca di un progetto di vita sostenibile, di cura del territorio e della comunità che ci vive.

E mentre l’anno scorso avevo respirato un’aria più romantica, fatta di ricordi di tempi ormai andati, quest’anno il sapore è stato più acre.

Come ha scritto Gioacchino Criaco, “il sud muore per spopolamento, è terra in via d’estinzione.”

E allora cosa possiamo fare? Io credo: portare nuovi punti di vista.

Raccontando ai ragazzi che anche al sud stanno nascendo idee che hanno fatto il giro del mondo (vedi alla voce Wonder Grottole | Italian Sabbatical).

Raccontando a chi se ne vuole andare, che forse non è così vero che l’America sia sempre altrove, ma che ognuno può costruirsi il proprio angolo di paradiso ovunque. E quando sei immerso nelle terre incontaminate della Sila, avvolto dal silenzio (ndr non dormivo così bene da secoli!) forse è addirittura più facile trovare il proprio spazio.

Raccontando a chi non c’è mai stato, che varrebbe davvero la pena farci un salto in questo sud, in questi paesi del sud. Franco Arminio sostiene che “andrebbero prescritti dai medici, proprio per dire: vai a prenderti un po’ di silenzio, vai a prenderti un po’ di luce, vai soprattutto a respirare un po’ di aria buona. La vita è essenzialmente respirare.”

Noi ci crediamo, e dopo questa esperienza intensa, se possibile anche di più. Proprio per questo abbiamo lanciato la prima summer school sul turismo ispirazionale, come opportunità per creare nuovi mondi in aree interne e a rischio spopolamento. Ti unisci a noi? Ti aspettiamo dal 1° al 7 settembre in Calabria!

Silvia è uno spirito creativo e inquieto, alla continua ricerca di tutto ciò che è colorato, scintillante e vivo. La troverete sempre circondata da idee, dolci, vestiti, pennarelli, esseri umani. Da buon capricorno è concreta e legata alla terra, ma lo spirito…beh, quello aspira sempre molto in alto, alla ricerca delle energie positive che muovono il mondo. È l’apripista di Destinazione Umana e ogni volta che annuncia di aver avuto una nuova idea, un brivido di meravigliosa curiosità corre lungo la schiena di tutto il team, perché una cosa è certa: se Silvia dice che una cosa verrà fatta, quella cosa VERRÁ FATTA.

Lascia un commento

Devi essere collegato per commentare.