#canzonidaDU: Grau grau grau

Vabbè, non potevamo non parlare di lui! Non so voi, ma io sono cresciuto facendo scorpacciate dei suoi film, andando a letto la sera con le lacrime agli occhi e il mal di pancia dal ridere. Al di là di tutto il resto, Bud Spencer rimane uno dei ricordi più piacevoli della nostra infanzia e allora ci sta salutarlo un’ultima volta così: grau grau grau!

La canzone di questa settimana è proprio Grau grau grau, colonna sonora di Io sto con gli ippopotami, in cui è lo stesso Bud a cantare, sulla musica composta da Walter Rizzati (questo è uno dei pochi film in cui non furono i mitici Oliver Onions a curare le musiche), con l’intermezzo di un bel coro africano – il film è ambientato nello Swaziland.

Il testo ci piace molto: è un dialogo fra l’uomo e l’animale, in cui si mischiano man mano gli atteggiamenti e le tendenze reciproche, fino a scoprire che la bestia più aggressiva, vorace e prepotente in realtà è quella che sta su due zampe.

D’altra parte è questa la falsariga di tutto il film: in maniera leggera e divertente, si affronta il tema della distruzione degli ecosistemi ancora selvaggi e della riduzione in cattività degli animali. E quando lo vidi per la prima volta – avrò avuto 6 o 7 anni – anch’io facevo il tifo per i leoni, le scimmie e naturalmente per il buon Bud che cercava di aiutarli. E allora, se tanti anni dopo la mia coscienza ecologica è così sviluppata, forse lo devo un po’ anche anche a lui!