Una semplice crema (ovvero come tutto ha avuto inizio)

Proprio qualche giorno fa sorridevo pensandoci…tutto è partito proprio da una semplice crema! In effetti il mio percorso autoproduttivo è iniziato proprio dalla cosmesi naturale. Iniziai due anni fa con un corso, assolutamente per divertimento e perché alla parola COSMESI, come qualsiasi donna, non ho saputo resistere. Non sapevo però che questo semplice divertimento sarebbe diventato qualcosa di molto più continuativo e che non avrei più smesso!

Vi siete mai chiesti cosa contengono la vostra crema viso, la vostra crema corpo, oppure il vostro burrocacao che praticamente quotidianamente vi passate sul corpo o sulle labbra? È proprio questa la domanda che mi aveva iniziato a rimbalzare nella mente, ed ancora di più quando ho testato con le mie stesse mani quanto fosse facile e alla portata di tutti autoprodurre determinati prodotti.
La cosmesi industriale, o comunque la maggior parte dei prodotti che normalmente si acquistano, se date un’occhiata all’etichetta, ha una lista infinita di ingredienti, molti dei quali di origine petrolchimica come paraffine, vaselline, oltre a siliconi, solventi e conservanti chimici come i parabeni, ed emulsionanti sintetici, tutti composti cancerogeni per l’uomo e dannosi per l’ambiente. Pensate poi ad ogni volta che vi lavate, magari con saponi o detergenti altrettanto inquinanti, una parte di tutto ciò che vi eravate spalmati addosso finirà irrimediabilmente negli scarichi con tutte le varie conseguenze del caso.
cosmesi-naturale-deborah-lazzaroPartendo dal presupposto che la nostra pelle è l’organo più esteso che abbiamo ed ha una capacità di assorbimento altissima (sempre che i pori non vengano ostruiti da siliconi o paraffine!), le sole cose fondamentali sono unicamente nutrirla ed idratarla. Ecco perchè la cosmesi naturale, e sicuramente anche di più quella autoprodotta, è totalmente priva di sostanze sintetiche e decisamente più semplice.
I quattro ingredienti principali che servono per autoprodurre creme, unguenti, burricacao ecc, sono oli vegetali (oliva, riso mandorla, avocado ecc) o oleoliti (oli cioè, dentro ai quali sono state fatte macerare piante e quindi carichi delle sue proprietà), acqua, cere (la famosissima cera d’api o per chi non usa ingredienti animali ce ne sono anche di vegetali come la candelilla o la cera di riso) e burri (karité o cacao).
L’unico emulsionante utilizzato (ovvero l’ingrediente che serve a legare acqua e oli nelle creme) è la lecitina di soia e l’unico conservante è l’alcool etilico a 95° (quello che si usa per fare i liquori, quindi completamente commestibile!).
E come profumare tutto? Gli oli essenziali conferiranno profumazioni fantastiche e completamente naturali alle nostre preparazioni! Bisogna solo stare molto attenti ad acquistarli puri al 100%, ancora meglio se biologici, biodinamici o comunque da agricoltura naturale, senza cadere nella trappola delle “ESSENZE”, che nulla hanno a che vedere con questi splendidi ingredienti vegetali.
Al di là dei vari procedimenti specifici per realizzare i nostri cosmetici, che ho volutamente riassunto, penso che più di tutto la cosa fondamentale e forse propedeutica a questa attività, sia riflettere e farsi delle domande, chiedersi cosa sia davvero necessario, cosa sia superfluo e cosa soprattutto sia dannoso o meno per la nostra salute e per tutto l’ambiente circostante. Mangereste mai cibi tossici, malsani o di bassa qualità? Credo di no! Ecco perché dovremmo pensare alla nostra pelle nello stesso modo in cui pensiamo al nostro stomaco, diventando consapevoli e responsabili delle scelte che compiamo nel prenderci cura di noi stessi.
Questa pratica permette di monitorare e scegliere quali ingredienti utilizzare, in quali quantità a seconda dei bisogni che abbiamo e, cosa non da poco, permette di risparmiare tantissimo, ma al contempo di poter investire qualitativamente sulle materie prime, in quanto per produrre un cosmetico ne serve una piccola quantità ed essendo più concentrato durerà più a lungo.
Infine, cosa non meno importante, per me è stato bellissimo poter iniziare a conoscere, esplorare e coltivare piante officinali e aromatiche, sbizzarrendomi utilizzandole per creare preparati di tutti i tipi! E poi…da quando autoproduco la mia crema viso ho eliminato qualsiasi problema di pelle, punti neri, fastidiosissimi brufoletti sottopelle e pori dilatati…questo già mi basta per voler condividere questa mia passione!

————————–
Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo sui tuoi social!
Vorresti iniziare anche tu a cimentarti con l’autoproduzione di cosmetici? Potrebbe presto esserci l’occasione! 

Silvia è uno spirito creativo e inquieto, alla continua ricerca di tutto ciò che è colorato, scintillante e vivo. La troverete sempre circondata da idee, dolci, vestiti, pennarelli, esseri umani. Da buon capricorno è concreta e legata alla terra, ma lo spirito…beh, quello aspira sempre molto in alto, alla ricerca delle energie positive che muovono il mondo. È l’apripista di Destinazione Umana e ogni volta che annuncia di aver avuto una nuova idea, un brivido di meravigliosa curiosità corre lungo la schiena di tutto il team, perché una cosa è certa: se Silvia dice che una cosa verrà fatta, quella cosa VERRÁ FATTA.