Ci siamo inventati il turismo ispirazionale (anche se word continua a correggerlo)

Di cosa ci occupiamo noi di Destinazione Umana?

Facciamo turismo? Sì, ma non nel senso comune del termine. E allora come fare a descriversi quando non esistono ancora parole che lo facciano? Semplice…si inventano! E noi un giorno abbiamo coniato il termine turismo ispirazionale per spiegare al mondo cosa facciamo:

“Il turismo ispirazionale è quella nuova forma di turismo che ribalta completamente la concezione del viaggio: ciò che è importante non è la meta fine a se stessa, ma la domanda profonda che il viaggiatore si pone, andando alla ricerca di ispirazioni che possono portare cambiamenti positivi nella sua vita. Il concetto di ispirazione diviene pertanto fondamentale: lasciarsi ispirare significa non avere fretta di trovare le risposte, ma farsi le domande giuste. Questo circolo virtuoso si attiva nel momento in cui il viaggiatore parte verso un’ incontro che può potenzialmente cambiargli la vita, e questo avviene solo in un viaggio da Destinazione Umana”.

Certo, una definizione, per quanto precisa, non basterà a tutelarci dai tentativi di concentramento degli uomini-schema. Mi chiedete chi siano costoro? Gli uomini schema sono quelli che o sei carne o sei pesce. O sei dentro o sei fuori. O stai lavorando o stai giocando. O ami o odi.

Che barba, ragazzi! Ma ancora non vi siete stancati di definire tutto? Di delimitare? Di chiudere e di mettere confini? Di continuare a comprare le scatoline per dividere il vostro abbigliamento intimo? Il bianco dal nero?

Sappiate che qua sul pianeta Destinazione Umana tutto è ibrido, quindi mettetevi il cuore in pace. Ci piacciono i piatti misti: “Un raggio di sole e un bagno di luna, grazie.” Ci piace lavorare, ma ispirati. E quattro mura spesso non ce la fanno proprio a contenerci. Quindi facciamo grandi progetti mentre ci spalmiamo grandi quantità di crema solare, in piscina. [Da giugno in poi ci trovate parcheggiati alla Corte Torricella B&B]

lavorare ispirati

Siamo colleghi. Ma siamo anche amici. Nonché la famiglia che ci siamo scelti, che qua si condivide proprio tutto, eh: grandi gioie ma quando sono dolori vi assicuro sono c…i per tutti.

Siamo quelli che lavorano alle 5 di mattina. Che quando nessuno ti rompe le scatole si sta pure meglio.

Organizziamo viaggi. Ma scriviamo anche libri. E raccontiamo storie sul web. E poi sogniamo, ci arrabbiamo, ci abbattiamo e ci ricarichiamo e vogliamo salire su un razzo e conquistare il mondo. O su una tavola da surf per seguire le onde, che se provate a resistere vi assicuro che è peggio per voi.

Siamo così. Siamo umani a cui non piacciono i confini ma gli orizzonti. E siamo sempre di più: viaggiatori, agenzie, strutture ricettive e aziende che ogni giorno sposano la nostra filosofia. Che più che dare definizioni desidera dare il nome giusto alle cose. Anche se word continua a correggerlo…mica è umano lui. 😉