Condividere un soggiorno e ritrovarsi amiche

Ci sono tanti motivi per i quali le persone capitano in una struttura ricettiva. C’è chi la sceglie per una vacanza e chi solo per riposarsi una notte prima di rimettersi in strada verso una meta lontana. C’è chi ci vive per un po’ magari perché la sua vita sta cambiando e ha bisogno di un punto di appoggio temporaneo e chi ci si trova per caso in occasione di una svolta importante come una festa, un lavoro o un appuntamento col destino. Come sempre accade quando si parla di viaggi ci sono tanti chi, tante variabili, tanti umani che incrociano i loro percorsi con altri umani.

Raffaella è una host ormai da diversi anni e di viaggiatori ne ha visti passare parecchi. Alcuni probabilmente li ricorda a stento, di altri conserva una fotografia, una ricetta, un piccolo oggetto e altri ancora non se ne andranno mai dal suo cuore. È il caso di Roberta, capitata alla Piccola Sicilia grazie a conoscenze comuni in occasione di una grande svolta della sua vita. E in quella grande svolta Raffaella c’è stata e, cosa più importante, ha continuato ad esserci dopo. Sono passati 11 anni da quell’incontro e Raffaella ha voluto dedicare ad esso una pagina del suo diario da host. Perché la vita ha regalato ad entrambe sorprese brutte e sorprese belle, ma affrontarle insieme ha reso il viaggio un po’ più leggero. E umano.

Di seguito il suo racconto.

L’amicizia che lega me e Roberta è andata al di là di alcune notti trascorse al b&b. Vi racconto come.

Il primo maggio, mentre ero su facebook per aggiornare la pagina, ricevo questo messaggio in chat. A scrivermi è Roberta, un’ospite prima un’amica ora. Lei abita nella parte orientale della Sicilia ma tanti anni fa, era il 2005, si stabilì a Palermo per motivi di lavoro. L’anno precedente era stata al b&b alcune sere per sostenere l’esame del concorso che l’avrebbe poi abilitata. Ricordo bene il suo smarrimento, la paura di non riuscire a superare l’esame, l’ansia di trovarsi da sola in una città molto grande e in ambiente di lavoro nuovo. Lei non se ne rendeva conto, ma si percepiva che aveva studiato allo sfinimento per mesi più di quanto avrei potuto fare io in tre anni. E ne sapeva a tonnellate! Io e Angela, l’amica in comune che ci ha presentate, eravamo sicure del suo successo. E il tempo ce l’ha dimostrato. Angela ne sarebbe fiera, vero Robi?

Il resto della bellissima storia di amicizia tra Raffaella, Roberta e Angela potete leggerla sul blog del “B&B La Piccola Sicilia“.

E se volete andare a conoscere Raffaella di persona, c’è giusto giusto un viaggio in partenza che vi porterà da lei.
cambiare vita

Responsabile comunicazione

«Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella danzante» sintetizza perfettamente la personalità di Federica: disordinata, alla perenne ricerca di un equilibrio (è pur sempre una bilancia, anche se atipica!), dotata di un’energia dirompente che trova nella creatività una valvola di sfogo perfetta. La sua sfida quotidiana è portare innovazione negli ambienti tradizionalmente più statici e lo fa coi suoi modi diretti e il suo cuore grande, e con questo stesso cuore si occupa della comunicazione di Destinazione Umana.