Il CHI dietro ad agriturismo.it: intervista a Veronica Mariani

Una circostanza negativa che si trasforma in opportunità, una passione che diventa lavoro. E poi tenacia, grinta, determinazione, dedizione. C’è tutto questo dietro al portale di successo Agriturismo.it. E c’è Veronica Mariani donna, mamma, imprenditrice, sognatrice, viaggiatrice. Ci sono gli incontri che ha fatto, le decisioni che ha preso, le strade che ha percorso. C’è una storia che ispira e che quindi merita di essere raccontata dalla viva voce di chi l’ha vissuta.

Identikit da “Destinazione Umana”: chi è Veronica Mariani? Chi era? Chi vorrebbe essere tra dieci anni?

veronica marianiSono una donna 41enne imprenditrice nel settore digital, mamma di 4 stupendi figli, moglie di un dirigente che opera nella stessa industry, figlia di un imprenditore brianzolo. Ero una laureata in lingue con energia, positività, ambizione e grinta. Ora sono la stessa di prima, ma con molto di più …e più consapevolezza. Tra 10 anni vorrei continuare a essere imprenditrice, vorrei dare un contributo nel sociale (ora mi manca il tempo materiale) e spero che la vita continui a sorprendermi.

Agriturismo.it e Premiaweb: raccontaci un po’ questa storia come se fosse un viaggio. E quindi partenza, soste, cambi di percorso, sorprese.

Agriturismo.it è un viaggio meraviglioso, nato da una circostanza apparentemente negativa e poi rivelatosi la “mia” strada. Nel 2002 lavoravo presso una web agency milanese, mi ero laureata da 3 anni ed ero incinta del mio primo figlio. L’azienda chiuse per via dello sboom di Internet: io fui messa in mobilità, come tutti i colleghi. Da brianzola, non ero capace di stare tranquilla a fare la mamma e decisi di iniziare a occuparmi di Agriturismo.it che ai tempi era poco più che un nome di dominio (registrato qualche anno prima perché ci affascinava il tema ancora poco noto) e qualche pagina di codice scritto da un webmaster di Lucca incontrato fortuitamente. All’inizio era un hobby, un passatempo tra le pappe e una curiosa sperimentazione. Poi cominciai a dedicarmici sempre di più; mi occupavo di tutto: attività commerciale sui clienti, fatture, inserimento testi, traduzioni, definizione del prodotto con il webmaster. È stato bellissimo! Immediatamente però si è posto un bivio: continuare a operare artigianalmente come passatempo o passare a una gestione più strutturata? Optai per questa seconda strada, più ardua ma decisamente più affascinante e ricca di scoperte. Devo dire che questo bivio si è presentato molte volte nel seguito e ho sempre optato per la crescita, la via più rischiosa ma, per me, più interessante.  A 14 anni di distanza, l’azienda Premiaweb ha uno staff di circa quaranta persone, professionisti appassionati del digitale e dei nostri progetti, tra cui certamente Agriturismo.it è il più noto. Nel percorso si sono aggiunti altri brand: Matrimonio.it in primis e altri nel settore Travel, una agenzia di viaggio e tante prospettive interessanti da esplorare prossimamente.

Un incontro indimenticabile professionalmente, e uno indimenticabile in un tuo viaggio. Chi, dove, perché?

Ho incontrato Serena, proprietaria dell’agriturismo Podere il Poggiolo (Pontassieve-Firenze) 8 anni fa. Era già cliente di agriturismo.it ma abbiamo avuto occasione di incontrarci di persona solo allora. Ho scoperto una persona incredibile, esplosiva e appassionata del proprio agriturismo e umanamente sorprendente, con una profondità spirituale a cui mi sono sentita affine. Ci siamo viste spesso anche con le famiglie, sono stata ospite della sua struttura e per me è stato illuminante: professionalmente mi ha sempre dato suggerimenti molto utili per migliorare il nostro sito. Nel mio lavoro mi capita spesso di incontrare manager, dirigenti, professionisti ma raramente ho trovato una dedizione così totalizzante.

Per quanto riguarda i miei viaggi… Credo che un incontro indimenticabile sia stato in Russia a fine anni ’90 con Roberto, ingegnere italiano che abitava a Mosca. Siamo diventati molto amici, mi ha fatto amare la Russia più di quanto già non la amassi attraverso i libri (ero laureanda in lingua russa a quei tempi), facendomi conoscere svariate persone e luoghi: mi ha permesso di vivere la quotidianità quasi “provinciale” di una città imponente e spigolosa. Gli sono molto grata.

Nell’epoca in cui “tutto cambia” e forte della tua esperienza con Agriturismo.it,  cosa secondo te una struttura recettiva in Italia deve sviluppare per avere successo e offrire quel qualcosa in più che la renda sempre accogliente?

Una struttura ricettiva deve avere una personalità, deve avere carattere; deve scegliere chi vuole essere (e chi NON vuole essere!) e rivolgersi a quella nicchia di persone che apprezzano i tratti della sua personalità. Sono convinta che, proprio in questo periodo di globalizzazione, in realtà vinca la singolarità: ognuno di noi vuole sentirsi unico, atteso, accolto. L’agriturismo ha un vantaggio perché nel proprio DNA c’è l’unicità: non esiste un agriturismo uguale a un altro, non esiste un agriturismo che va bene per tutti. Questa è la forza dell’agriturismo! come spieghiamo nel nostro sito.

Se dovessi aprire tu una struttura tutta tua, come sarebbe e dove sarebbe?

Confesso che questo è un mio sogno nel cassetto: chissà che tra qualche tempo non possa realizzarlo! Lo vorrei non lontano da Milano (zona lago di Garda) per poter ospitare i nostri amici, lo vorrei con 3 o 4 appartamenti adatti ad accogliere famiglie, lo vorrei frequentato prevalentemente da stranieri per permettere ai miei figli di conoscere altre persone e abitudini. Vorrei una grande sala comune con una bella vista in cui poter fare colazione, con lunghi tavoli in cui stare assieme. E poi vorrei che ci abitasse stabilmente un contadino che si curasse delle coltivazioni (necessarie per poter essere un agriturismo in regola): mi piacerebbero alberi da frutto per confezionare marmellate con le mie figlie!

Cosa diresti a un giovanissimo, per esempio a un under 35 come potrebbe essere uno di noi del team di Destinazione Umana, che si vuole lanciare in un percorso imprenditoriale?

Direi che vale assolutamente la pena! È un percorso ricco di sfide e bisogna essere piuttosto propensi al rischio: non c’è nulla di garantito! Ma con passione, energia e tanto tanto lavoro si possono creare realtà interessanti! Bisogna avere un buon team, molto realismo e saper  dimostrare che quello che si ha in mente ha “le gambe per correre”. Poi …si deve correre!

Destinazione Umana propone viaggi che possano esser di ispirazione: qual è l’ispirazione che senti più affine a te tra le 4 che proponiamo, CAMBIAMENTO, INNOVAZIONE, RURALITÀ o SPIRITUALITÀ, e perché?

L’aspetto che amo dell’agriturismo e che cerco spesso nel turismo, più in generale, è quello che definite Ruralità: un’immersione nella natura per prendere fiato e poi rituffarsi nella quotidianità con più energia e slancio. Aggiungerei all’incontro con la natura, anche l’incontro con le persone che la vivono.

agriturismoit
Responsabile comunicazione