BiCicladi: il racconto (fuori stagione) di un incontro speciale

Eravamo nel pieno dell’estate 2015 e provammo a lanciarvi un amo: vi chiedemmo infatti di raccontarci i vostri incontri più significativi e indimenticabili. Chiamammo questo contest #DUsummer2015 dandoci come obiettivo quello di disegnare una mappa dei luoghi che qualcuno aveva reso speciali ai vostri occhi. Eravamo, come sempre, alla ricerca di ispirazioni e racconti.

E arrivarono, eccome se arrivarono. Attraversammo l’India con Luca, esplorammo Linosa con Gerardo, volammo  a Londra dentro al Museo dell’empatia e poi in Sicilia, in Sardegna, nelle Marche e in Abruzzo. E a ogni luogo corrispondeva un volto, una destinazione umana.

Qualche settimana fa ci ha pensato Vieri a rispolverare questi ricordi estivi. É capitato sulla nostra pagina facebook per caso. E poi sul nostro sito. E infine sul contest #DUsummer2015. Ha navigato nel nostro mare virtuale e si è lasciato ispirare. Ha letto storie e ha voluto raccontarci la sua. Condividendo con noi il suo incontro speciale, fatto durante un viaggio in bicicletta attraverso le isole cicladi.

“Sono state molte – ci ha scritto – le persone che ho incontrato e che hanno reso  il viaggio e il mio percorso degno di essere vissuto, ma un incontro in particolare mi ha segnato molto e mi ha regalato grande ispirazione per il futuro. Quello con Jiri Oliva, un ragazzo della Repubblica Ceca che sta facendo il giro dell’Europa in Kayak. Dalla sua esperienza ho tratto una forza propulsiva incredibile verso i miei sogni e ho voluto condividere questa sensazione con voi”.
E noi non ce la siamo di certo tenuta nascosta.
Il racconto di Vieri è lungo e appassionato. Qui lo trovate nella sua forma integrale. Noi, invece, ve ne riportiamo solo alcuni pezzi. Buon viaggio Jiri, buon viaggio Vieri. E buona destinazione umana.

Quando sei in viaggio da diverso tempo arriva un momento in cui svolti e cambi il modo di vedere le cose. Ricordo che a me accadde a Novi Sad. Di colpo mi sono trovato a chiedermi che giorno fosse. Che mese. Anche che anno. È chiaro che so in che anno siamo, ma davvero mi sono visto come distaccato dal tempo dalla società in cui siamo cresciuti e dai sui insegnamenti. O presunti tali.
E allora il mio viaggiare è diventato vivere. Vivere davvero.
 […]
Ci salutiamo come vecchi amici, o forse soltanto come due persone che guardano alla vita in maniera molto simile. “È stato un onore conoscerti.”
“Anche per me Vieri. Magari pagaiaremo insieme in Italia tra un anno, sempre che tu non sia in giro wherever con la tua bicicletta!“
Buon Viaggio, Jiri Oliva.
E Buone Onde”.

Responsabile comunicazione

«Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella danzante» sintetizza perfettamente la personalità di Federica: disordinata, alla perenne ricerca di un equilibrio (è pur sempre una bilancia, anche se atipica!), dotata di un’energia dirompente che trova nella creatività una valvola di sfogo perfetta. La sua sfida quotidiana è portare innovazione negli ambienti tradizionalmente più statici e lo fa coi suoi modi diretti e il suo cuore grande, e con questo stesso cuore si occupa della comunicazione di Destinazione Umana.