Partire e sentirsi a casa. Josef e Jasmine di Casale il Baronetto

Quando decidiamo di partire siamo sempre bloccati da un senso di insicurezza. Vediamo che il letto è diverso dal solito, il bagno non è accogliente come sempre e tutto ci sembra più insicuro. Ci sentiamo assaliti da una sensazione di disagio. Ci sentiamo inopportuni, quasi come fuori luogo. E dopo qualche giorno magari abbiamo voglia di riabbracciare la nostra casetta sicura.

Ecco questo è esattamente ciò che NON può accadervi al Casale Il Baronetto, dove Josef e Jasmie, insieme al loro meraviglioso gruppo, vi faranno subito sentire come a casa vostra! Il loro calore trasformerà l’ambiente in un luogo familiare.. e forse non avrete nemmeno troppa voglia di tornarci a casa. Non ci credete? Beh allora, sentite qua! 

Raccontateci la vostra storia. Chi siete? Da dove venite? Cosa facevate in passato?

Siamo Josef e Jasmin, una coppia italiana, cittadini del mondo. Dopo tanto vagare in giro per l’Europa e per l’Italia abbiamo trovato qui il nostro paradiso terrestre: Il Gran Sasso in Abruzzo. Siamo due ex professionisti: Io (Josef) specializzato in tecnologie per l’ambiente e Jasmin nell’ambito dell’educazione.

Di quali ispirazioni vi sentite di far parte?

casale-il-baronetto-pane-fatto-in-casa.jpgNoi ci sentiamo prima di tutto rurali, perché ci troviamo in un luogo meraviglioso immerso nella natura selvaggia vicino al Gran Sasso, nella valle del fiume Fino. Stiamo cercando di raggiungere la sostenibilità anche alimentare producendo i nostri prodotti.

Ci sentiamo testimoni di cambiamento, perché in un punto del nostro percorso di coppia abbiamo deciso di lasciare la città e percorrere nuove strade in equilibrio con la natura.

Ma ci sentiamo anche innovativi, perché abbiamo saputo mescolare in maniera vincente saperi antichi insieme a tecnologie sostenibili, in tutti campi: energie rinnovabili, utilizzo e recupero sostenibile delle acque, mobilità, riciclo dei rifiuti e, per l’alimentazione, l’orto bio-sinergico con semi poco utilizzati.

La possibilità di avere a disposizione mari e monti a così breve distanza non è da tutti: come sfruttate questa fortuna? Quali attività particolari offrite all’ospite? Cosa c’è di davvero imperdibile al Casale Baronetto?

I nostri ospiti hanno la possibilità giorno per giorno di decidere di andare in montagna o al mare e consigliamo vari percorsi, sempre diversi. Durante le cene, come in una grande famiglia, ci si racconta le esperienze vissute durante la giornata e c’è un grande scambio di momenti intensi ed emozioni. I nostri ospiti hanno la possibilità di scegliere se rilassarsi completamente e staccare la spina o provare alcuni dei nostri pacchetti che vanno da mini-corsi come l’autocostruzione di un fito-depuratore fino a consigli pratici per un’agricoltura biologica.

I nostri ospiti possono anche dedicarsi a lunghe passeggiate nella natura a piedi o con biciclette che noi noleggiamo, anche elettriche.casale-il-baronetto-attivita11.jpg

Trascorrere una vacanza a impatto zero, senza lasciare impronta ecologica, questo è ciò che caratterizza veramente Casale il Baronetto.

Non a caso fate parte della grande famiglia delle Destinazioni Umane: cos’è che contraddistingue una Destinazione Umana da un semplice albergatore? Cosa può offrire in più al viaggiatore una Destinazione Umana?

Per noi essere una Destinazione Umana significa accogliere un viaggiatore che entra in casa nostra come un ospite e ci lascia come un amico. Farlo sentire in famiglia, accolto come un membro che torna da un lungo viaggio. Mangia insieme a noi quello che noi produciamo e che lui stesso può raccogliere. Dargli la possibilità di conoscere un nuovo stile di vita, cercando di dimostrare che spesso non è importante la location in cui ti trovi, ma le persone con cui stai.

E’ il momento della creatività: a cosa aspirate? Quali sono i vostri progetti futuri? I vostri sogni? Le vostre speranze?

Noi ci auguriamo, soprattutto per le generazioni future, che un nuovo modo di vivere sia possibile, non con le parole, ma con i fatti. E anche per questo abbiamo deciso di essere protagonisti di questo cambiamento. Vorremmo anche avere la possibilità aumentare la nostra capacità di incoming attraverso l’acquisto di tende solidali.

Il nostro grande sogno è quello di poter continuare a vivere questa vita per più tempo possibile, lasciare un’impronta positiva ai posteri, sperando che il mondo entri in una nuova era di pace amore ed eguaglianza.

Cosa aspettate a farvi influenzare da Josef e Jasmine? Una storia fatta di sogni, speranze, cambiamento.. e forse anche utopia. Ma sappiate che.. “Quando una moltitudine di piccole persone in una moltitudine di piccoli luoghi cambiano una moltitudine di piccole cose, costoro possono cambiare la faccia del mondo.” (Nietzsche)

Responsabile comunicazione

«Bisogna avere in sé il caos per partorire una stella danzante» sintetizza perfettamente la personalità di Federica: disordinata, alla perenne ricerca di un equilibrio (è pur sempre una bilancia, anche se atipica!), dotata di un’energia dirompente che trova nella creatività una valvola di sfogo perfetta. La sua sfida quotidiana è portare innovazione negli ambienti tradizionalmente più statici e lo fa coi suoi modi diretti e il suo cuore grande, e con questo stesso cuore si occupa della comunicazione di Destinazione Umana.