Che cosa significa cambiare vita: buon compleanno Destinazione Umana

Sono appena rientrata da una serata magica, di quelle che parti già emozionata da casa perché sai che succederà qualcosa di speciale.

Di quelle serate che quando apri le danze ti senti un po’ rigida, perché sai che sarai costretta a gettare la maschera.

Mentre mi avviavo all’appuntamento ho messo su un vecchio CD del Liga, che fa sempre bene cantare a  squarciagola in macchina per sciogliere i nervosismi. E cantavo e pensavo ai miei grandi sogni adolescenziali, alla paura di non riuscire a realizzarli, di rimanere incastrata in situazioni, in pregiudizi, all’idea che ad un certo punto ti prende la mano e ti fa pensare “Basta, sono spacciata. Il mio destino è questo e non ci posso fare nulla. Inutile anche provarci”. 

Poi, invece, può succedere che ad un certo punto ti lasci vivere e tutto cambia.

Attraversi la tempesta, ne esci con qualche graffio, magari con i capelli un po’ scompigliati…ma ti dai una sistemata ai vestiti e ti rendi conto che sei finalmente pronta a partire.

Per me, almeno, è stato così.

Ma non divaghiamo, torniamo a noi. Vi stavo raccontando della serata. L’ambientazione è Bologna, nello specifico: la Bologna primaverile, quella calda al punto giusto, alle 8 di sera, quando il sole sta tramontando e il panorama è lì “gratis, tutto per te”.

L’appuntamento è al Meloncello, ma (manco a dirlo) l’altra si sbaglia e arriva con una buona mezz’ora di ritardo pensando fosse a Porta Saragozza. Ne approfitto per osservare la mia città, le macchine che passano sotto l’arco, le persone che salgono e che scendono, che fanno stretching, le storie che si raccontano, la musica che ascoltano nelle orecchie e che mi sembra di riuscire a sentire.

Finalmente arriva e iniziamo il nostro pellegrinaggio. 360 portici ci separano dal Colle della Guardia.

Pensare che quando l’ho conosciuta mi sembrava così distante.

Pensare che stasera, dopo qualche mese, ci stiamo raccontando la vita e condividiamo visioni sul futuro.

Perché la vita è così. E’ fatta di incontri inaspettati ma che è come se aspettassi da sempre, quelli lei definisce “cosmici”.

Poi ci sono incontri che arrivano e passano oltre, incontri che speri durino una vita ma che restano incompiuti, e forse è proprio  questo il loro bello, incontri che invece cambiano la vita, incontri che semplicemente accetti con un “perchè no?”.

Ecco, questo post nasce dal desiderio di festeggiare insieme a tutti gli incontri che lo hanno reso possibile, il primo compleanno di Destinazione Umana.

Gli anniversari per me sono sempre molto importanti perché sono il momento in cui il mio rullo compressore si ferma e il cervello inizia a tirare le somme sul lavoro fatto. E caso vuole che il periodo sia sempre Giugno.

Esattamente 3 giugni fa stavo per licenziarmi dal mio posto fisso per realizzare il sogno di aprire un bed and breakfast… e in mezzo a tutti quei cambiamenti sposavo una certezza: l’uomo con il quale ero cresciuta da 10 anni a quella parte.

2 giugni fa quel bed and breakfast non c’era più ma il mio sogno veniva ospitato da una decina di case in giro per l’Italia che avevano creduto in noi, associandosi alla rete ViviSostenibile.

Lo scorso giugno quella rete, ormai divenuta abbastanza grande, aveva bisogno di uno spazio tutto suo e nasceva così il portale  Destinazione Umana.

Questo giugno facciamo un ulteriore passo in avanti, costituendo, insieme al marito-socio-cofondatore-cotuttochesenzadiluinullaavrebbesenso, la travel agency on-line Inspirational Travel Company, ossia un tour operator che venderà, tra le altre, anche le esperienze presenti su Destinazione Umana.

Per riprendere le parole della mia compagna di cammino, mi piace pensare che il nostro lavoro funga per VOI da facilitatore di “incontri cosmici”, come tutti quelli che ho avuto la fortuna di fare io in questi anni e che mi hanno permesso di cambiare, un pezzetto per volta, la mia vita…e forse, un po’, anche il mio destino.

Ma allora che cosa significa cambiare vita? Non necessariamente mollare tutto e scappare via.

Noi la intendiamo piuttosto come un’evoluzione, come tanti piccoli passi verso una realizzazione di sé all’interno di un sistema più grande che è fatto soprattutto di incontri e di energie che vanno scambiate e messe in circolo, affinché tutti possano condividerle, farle proprie e restituirle al prossimo con un ritorno positivo per entrambi.

O per dirla alla Liga:

Metti in circolo il tuo amore

come quando dici “perché no?” 

Metti in circolo il tuo amore

come quando ammetti “non lo so”

come quando dici “perché no?”

 

Silvia è uno spirito creativo e inquieto, alla continua ricerca di tutto ciò che è colorato, scintillante e vivo. La troverete sempre circondata da idee, dolci, vestiti, pennarelli, esseri umani. Da buon capricorno è concreta e legata alla terra, ma lo spirito…beh, quello aspira sempre molto in alto, alla ricerca delle energie positive che muovono il mondo. È l’apripista di Destinazione Umana e ogni volta che annuncia di aver avuto una nuova idea, un brivido di meravigliosa curiosità corre lungo la schiena di tutto il team, perché una cosa è certa: se Silvia dice che una cosa verrà fatta, quella cosa VERRÁ FATTA.

One Response to: Che cosa significa cambiare vita: buon compleanno Destinazione Umana