Il negozio lo fa il negoziante: 5 consigli per farsi scegliere dai viaggiatori

Voi lo conoscete il detto: “Il negozio lo fa il negoziante”?

Ogni volta che ho un dubbio, naturalmente googlo e non è saltato fuori nulla in proposito…ne deduco che si dica solo dalle parti di Bologna. Ad ogni modo, il significato è semplice: sono sempre le persone a fare la differenza. Non è il luogo, non è il prodotto, non sono i muri e il design. O almeno, non solo. Sono invece le persone e la loro capacità di tirare fuori il meglio da tutte queste variabili.

Oggi la mia pillola di consulenza vuole riguardare proprio questo tema. Troppo spesso, infatti, mi sento dire:

“ah ma la mia è una zona sfortunata”

“eh ma c’è la crisi”

“oh ma le persone vogliono le comodità e qui non ci vengono”

Mentre ascolto queste frasi mi viene sempre in mente la storia della Sig.ra Luisa del Lavasecco del paese in cui abito, Crespellano – Valsamoggia (BO).

Crespellano adesso fa parte del nuovo grande comune appena nato da una fusione di 5 (la Valsamoggia, appunto) che conta circa 30.000 abitanti, ma fino a 30 anni fa era un paesino semi sconosciuto della campagna bolognese. Ebbene, la Sig.ra Luisa era un’istituzione in paese e non solo. Il suo non era un semplice lavasecco e lei non una semplice lavandaia. LA LUISA non aspettava che i clienti la trovassero, era lei ad andare a trovare loro e ad offrirgli tutta una serie di “coccole” che negli anni l’hanno resa sempre più ricercata anche dalla città.

Vi faccio qualche esempio:

– Valore aggiunto: LA LUISA non si limitava a lavare e stirare, ad eseguire, quindi. Controllava che gli abiti fossero perfettamente a posto e se c’era un bottone che stava per staccarsi o un buco da cucire, lei se ne occupava.

– Fare rete offrendo servizi collaterali: quali possono essere i servizi che tornerebbero utili ad un cliente che sta andando da un lavasecco e che presumibilmente ha poco tempo per fare altri giri? Il calzolaio. E la sarta. Ecco perché LA LUISA aveva attivato collaborazioni anche con altre attività e facendo un giro unico da lei sistemavi tutto: scarpe e vestiti.

– Posizione poco strategica: E’ vero, Crespellano non era l’ombelico del mondo, non lo è tutt’ora, figuriamoci 30 anni fa. Ma LA LUISA sapeva che i clienti si devono andare a prendere, e non aspettare che siano loro a trovare te. Ecco allora che LA LUISA non si ferma nemmeno se va in vacanza in Riviera Adriatica e attiva un servizio per i suoi vicini di campeggio: a fine settimana prende la loro roba sporca, se la riporta a Bologna in lavasecco, la lava e la stira e gliela riporta il lunedì seguente quando torna al mare. Pulita e stirata.

– Antenna sul territorio: infine, il lavasecco de LA LUISA era diventato anche un punto informazioni su quello che accadeva in paese. Non si andava al bar, si andava dalla Luisa a chiedere cosa c’era in programma per il weekend, a prenotare la cena della Pro-loco (anche perché lei è la Presidente, come potete vedere nella foto sopra) e a chiedere informazioni varie ed eventuali.

Tutto questo per dire che l’occasione, o come diremmo oggi in tema di turismo, l’esperienza, va creata.

Non è sufficiente scusarsi dicendo che la propria zona non è conosciuta o non è di passaggio. E’ necessario fare in modo che il viaggiatore sia invogliato a sceglierci perché:

1- Non ci limitiamo a dargli una camera, ma diamo valore aggiunto alla sua esperienza.

2- Non ci limitiamo a proporgli la nostra offerta, bensì quella di rete che il nostro territorio può offrirgli

3- Non ci limitiamo a dire che la nostra è una zona poco conosciuta, ma rendiamo il nostro posto unico in modo da andare a prendere il viaggiatore a casa e farlo venire proprio da noi. Nella nostra Terra nel Mezzo.

4- Non ci limitiamo ad essere un affittacamere, siamo una vera e propria antenna su quello che succede nel nostro territorio.

Sappiamo che non è facile, ma sappiamo anche che non ci sono alternative al LUISA’S CERTIFIED METHOD.

E se avete bisogno, ricordatevi che il nostro segnale per lanciare un S.O.S è sempre acceso 😉

pulsante3

 

NB. Ho parlato al passato solo perché LA LUISA è andata in pensione da qualche anno, ma è tutt’ora molto attiva per la promozione del suo territorio. [Storia vera]

 

 

Silvia è uno spirito creativo e inquieto, alla continua ricerca di tutto ciò che è colorato, scintillante e vivo. La troverete sempre circondata da idee, dolci, vestiti, pennarelli, esseri umani. Da buon capricorno è concreta e legata alla terra, ma lo spirito…beh, quello aspira sempre molto in alto, alla ricerca delle energie positive che muovono il mondo. È l’apripista di Destinazione Umana e ogni volta che annuncia di aver avuto una nuova idea, un brivido di meravigliosa curiosità corre lungo la schiena di tutto il team, perché una cosa è certa: se Silvia dice che una cosa verrà fatta, quella cosa VERRÁ FATTA.