Impressioni sul Carnevale di Satriano

A Satriano ho incontrato la natura, ho sorriso ai sorrisi, ho guardato gli occhi degli altri e ho scoperto la gioia dei lucani.
A Satriano ho scovato un angolo di ricchezza e ho vissuto un week-end di bellezza.

I frusci che ogni Rumit porta con sé.

I frusci che ogni Rumit porta con sé.

Questo è stato il Carnevale di Satriano 2014. Emozioni arrotolate per le viuzze di questo paesino lucano che sa come accogliere e raccogliere.
Maschere tradizionali – 131 Rumit’, tanti quanti i comuni della Basilicata – e maschere nuove – 50 folletti, chiassosi e saltellanti – si sono riversati tra le vie di Satriano e hanno dato vita ad una festa della natura e delle tradizioni ma con uno sguardo al futuro. Stare dentro alla #forestachecammina fa ricongiungere il cuore col mondo e ti rende testimone di un capolavoro.
Ogni attimo è stato denso di storia e tradizione, di amicizia e collaborazione.
Le danze, gli sguardi, i sorrisi, i canti, i piatti tradizionali e il vino locale, tutto ha reso questo Carnevale un vero angolo di ricchezza. 

Post di Stefania Clemente. Foto di Andrea Rizzelli.

 I folletti durante la #forestachecammina

I folletti durante la #forestachecammina

Silvia è uno spirito creativo e inquieto, alla continua ricerca di tutto ciò che è colorato, scintillante e vivo. La troverete sempre circondata da idee, dolci, vestiti, pennarelli, esseri umani. Da buon capricorno è concreta e legata alla terra, ma lo spirito…beh, quello aspira sempre molto in alto, alla ricerca delle energie positive che muovono il mondo. È l’apripista di Destinazione Umana e ogni volta che annuncia di aver avuto una nuova idea, un brivido di meravigliosa curiosità corre lungo la schiena di tutto il team, perché una cosa è certa: se Silvia dice che una cosa verrà fatta, quella cosa VERRÁ FATTA.