Ma guarda, i nostri piedi funzionano ancora!

Grazie a Ryan Air, offerte low cost, booking on-line (il 43% dei web shopper acquista servizi turistici secondo l’Osservatorio eCommerce B2C) e altri espedienti, viaggiare – specialmente il turismo “mordi e fuggi” e il pendolarismo internazionale – sta diventando alla portata di tutti e il Medio Oriente è l’unica regione nel mondo a non far registrare una crescita positiva (Unwto).


instagram2Ma c’è un dato che a noi interessa particolarmente. Fra i vari segmenti di questo macrosettore, ce n’è uno in grande spolvero: quello del turismo slow e sostenibile. Sono sempre di più gli italiani che fanno questa scelta – un quarto di noi pagherebbe un prezzo più alto per una vacanza a basso impatto ambientale (Bit 2013) –, si stanno moltiplicando le agenzie e i tour operator che propongono opzioni eco-friendly o che addirittura nascono per operare esclusivamente in questo ambito, anche le istituzioni favoriscono il viaggio a piedi – per esempio, fra gli accordi transfrontalieri fra Italia e Slovenia è compreso un bando di valorizzazione e promozione di itinerari turistici “slow”.

Esistono circuiti turistici sommersi ma organizzati ed efficienti dedicati ai camminatori, come per esempio quello che serve la via Francigena, 950 chilometri fra Gran San Bernardo e Roma, che sarà anche inserita nel sito dedicato all’Anno del Turismo Italo-Russo. Anche il WWF si è attivato, proponendo 35 itinerari di turismo slow da visitare a piedi, articolati su tre livelli di difficoltà. Volete leggere qualche testimonianza? Date un’occhiata allo spazio che il sito Turisti per Caso riserva ai racconti dei viaggiatori slow. C’è anche chi è passato per la Valsamoggia!
Ma il turismo slow non vuol dire solo sostenibilità ambientale. Viaggiare a piedi significa rispettare i ritmi della natura, entrare in sintonia con i luoghi che visitiamo e le persone che li abitano, assorbire l’essenza di un territorio. E come primo viaggio non pensate a un trekking estremo in Siberia o alla risalita del Rio delle Amazzoni! Spesso i borghi della provincia, i parchi collinari, le oasi del WWF o anche solo i vicoli del centro delle nostre città possono rivelare molto più di quanto ci balza all’occhio quando ci muoviamo freneticamente con la valigetta in mano e l’orologio che ci frusta come un fantino col suo cavallo.
Comincia a piacervi l’idea di muovervi a piedi anche quando siete in vacanza? Se volete scaldare i muscoli, veniteci a trovare sabato 15 febbraio alla passeggiata ViviSostenibile!

Silvia è uno spirito creativo e inquieto, alla continua ricerca di tutto ciò che è colorato, scintillante e vivo. La troverete sempre circondata da idee, dolci, vestiti, pennarelli, esseri umani. Da buon capricorno è concreta e legata alla terra, ma lo spirito…beh, quello aspira sempre molto in alto, alla ricerca delle energie positive che muovono il mondo. È l’apripista di Destinazione Umana e ogni volta che annuncia di aver avuto una nuova idea, un brivido di meravigliosa curiosità corre lungo la schiena di tutto il team, perché una cosa è certa: se Silvia dice che una cosa verrà fatta, quella cosa VERRÁ FATTA.