#canzonidaDU: L’anno che verrà

In genere siamo già nel periodo natalizio quando le radio cominciano a passare L’anno che verrà… Ci si avvicina al 31 dicembre e tutti vogliamo far vedere che stiamo pensando a quello che ci aspetta. Non so come mai – visto che siamo ad aprile! – ma questa canzone di Lucio Dalla mi risuona in testa già ora! Forse perché vedo il futuro già qua, costellato di tanti bellissimi cambiamenti, e non voglio aspettare il 2017 per parlarne, per viverli, per replicarli.

Preti che si sposano, muti che parlano, una festa continua e cibo per tutti! Ecco come immaginava L’anno che verrà il cantautore bolognese. Con un segno di velata tristezza, perché forse il futuro non era così roseo allora e per tirare avanti bisognava sognare, sperare e pazientare che l’anno non ancora arrivato passasse in fretta.

Chissà se era davvero così, ormai si parla di tanti anni fa… Ma una cosa è certa: il futuro oggi è bello, pieno di ottimismo, di cambiamento e di trasformazioni positive, di grandi novità e belle idee, di persone volenterose e progetti grandiosi. Forse il buon Lucio, nel lontano 1979, si faceva influenzare troppo dai media catastrofisti, dai pessimisti di professione, dalle brutte notizie che fanno audience.

Noi oggi non siamo così. Vogliamo liberarci dei negative bias che ci fanno immaginare un futuro incerto e preoccupante. E non abbiamo bisogno delle storielle della televisione che ci prende un po’ in giro, quasi a confortarci con fare paternalistico: “quest’anno è andato tutto male, ma il prossimo saranno frizzi e lazzi, abbiate fede!”. Noi sappiamo che le belle notizie – quelle vere – abbondavano l’anno scorso, abbondano quest’anno e saranno ancora di più l’anno che verrà!

Come facciamo a saperlo? È semplice: perché le belle notizie siamo noi! Non abbiamo bisogno di Cristi che scendono dalle croci o del Natale tre volte all’anno per continuare a sperare. Ci basta guardare quello che stiamo facendo, quello che abbiamo costruito in così poco tempo, leggiamo i messaggi delle persone che ci scrivono, che hanno lo stesso entusiasmo di quelle che riusciamo a catalizzare e coinvolgere in questo bellissimo progetto, un piccolo pianeta in una galassia di cambiamento e innovazione!